Skip to main content

reazioni allergiche

Una rappresentazione di reazioni allergiche

Le allergie sono una condizione comune nei cani che può portare a prurito, problemi cutanei, disturbi gastrointestinali o addirittura shock letali. In questo articolo scoprirete le cause, i sintomi e le opzioni di trattamento delle allergie più comuni nei cani.

Che cos'è un'allergia?

L'allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario a determinate sostanze, normalmente innocue, chiamate allergeni. Questi possono essere, ad esempio, pollini, erba, acari, pulci, ingredienti alimentari o farmaci. Quando il cane entra in contatto con un allergene, il suo organismo produce anticorpi contro di esso, che scatenano una reazione infiammatoria. Questa può manifestarsi in modo diverso a seconda del tipo di allergia e dell'organo colpito.

Quali sono le allergie nei cani?

Esistono vari tipi di allergie nei cani, che si differenziano per frequenza, causa e sintomi. Le più importanti sono

Allergia alla saliva delle pulci

L'allergia alla saliva delle pulci è il tipo di allergia più comune nei cani. È scatenata dalla saliva che le pulci rilasciano quando mordono. La reazione allergica può essere scatenata da un solo morso di pulce e provoca un forte prurito, soprattutto intorno alla base della coda, alle zampe posteriori e al ventre. La pelle può essere arrossata, squamosa o infiammata e si possono formare croste o perdita di pelo. L'allergia alla saliva delle pulci può manifestarsi in qualsiasi periodo dell'anno e colpisce tutte le razze e tutti i sessi.

Allergia ambientale (dermatite atopica)

L'allergia ambientale è la seconda allergia più comune nei cani. È scatenata da varie sostanze ambientali come pollini, erbe, muffe o acari della polvere. La reazione allergica colpisce di solito la pelle e provoca prurito, arrossamento, gonfiore o eruzione cutanea su varie parti del corpo, in particolare su orecchie, zampe, muso o stomaco. L'allergia ambientale di solito si manifesta stagionalmente e può peggiorare nel tempo. Alcune razze sono più sensibili di altre, come i West Highland White Terrier, i Bulldog francesi e i Labrador Retriever.

Allergia alimentare

L'allergia alimentare è la terza allergia più comune nei cani. È scatenata da alcuni ingredienti presenti negli alimenti, come le proteine (carne, uova, latticini) o i carboidrati (cereali). La reazione allergica può interessare sia la pelle che il tratto gastrointestinale e provocare prurito, alterazioni cutanee, diarrea o vomito. L'allergia alimentare può manifestarsi in qualsiasi momento e dipende dalla sensibilità individuale del cane. Alcune razze sono predisposte, come il Bulldog inglese, il Carlino o lo Shar-Pei.

Allergia alla puntura di insetto

L'allergia alla puntura di insetto è un'allergia rara ma potenzialmente pericolosa nei cani. È scatenata dalla puntura o dal morso di insetti come api, vespe o formiche. La reazione allergica può provocare dolore, gonfiore o arrossamento localizzati nel luogo della puntura o estendersi a tutto il corpo e provocare orticaria (wheals), difficoltà respiratorie o shock. Le allergie alle punture di insetti possono essere pericolose per la vita e richiedono un trattamento veterinario immediato.

Come viene diagnosticata un'allergia nei cani?

La diagnosi di un'allergia nei cani non è sempre facile, poiché i sintomi sono spesso aspecifici e possono sovrapporsi ad altre malattie. Per determinare la causa esatta dell'allergia, il veterinario deve effettuare un'anamnesi approfondita (intervista), esaminare il cane dal punto di vista clinico e, se necessario, ordinare ulteriori test. Questi possono includere

  • Test cutaneo: consiste nell'applicare vari allergeni sulla pelle rasata del cane e osservare la reazione. Questo test è particolarmente indicato per le allergie ambientali.
  • Esami del sangue: un campione di sangue del cane viene analizzato per verificare la presenza di anticorpi specifici contro vari allergeni. Questo test è particolarmente indicato per le allergie alimentari.
  • Dieta di esclusione: il cane viene sottoposto a un'alimentazione speciale che non contiene potenziali allergeni per diverse settimane. Quando i sintomi si attenuano, si reintroducono gradualmente i singoli ingredienti dell'alimento per identificare la causa scatenante. Questo test è particolarmente indicato per le allergie alimentari.

Come viene trattata un'allergia nei cani?

Il trattamento di un'allergia nei cani dipende dal tipo e dalla gravità dell'allergia. L'obiettivo principale è evitare o ridurre il contatto con l'allergene. Questo obiettivo può essere raggiunto, ad esempio, con le seguenti misure:

  • Protezione dalle pulci: uso regolare di farmaci antipulci, pulizia accurata dell'ambiente e trattamento degli altri animali domestici.
  • Protezione dell'ambiente : evitare le passeggiate nella stagione dei pollini, lavare frequentemente la cuccia e le coperte del cane, utilizzare purificatori d'aria o umidificatori.
  • Modifica dell'alimentazione: scegliere un alimento ipoallergenico o una dieta di esclusione, evitare leccornie o avanzi della tavola che potrebbero contenere allergeni.
  • Protezione dagli insetti: evitare le aree con molti insetti, utilizzare repellenti o reti per insetti.

Inoltre, il veterinario può prescrivere farmaci per alleviare i sintomi o sopprimere la risposta immunitaria. Questi possono essere

  • Antistaminici: inibiscono il rilascio di istamina, un neurotrasmettitore responsabile della reazione allergica. Possono ridurre il prurito e il gonfiore.
  • Corticosteroidi: sono ormoni antinfiammatori che sopprimono la risposta immunitaria. Possono ridurre il prurito, il rossore e l'infiammazione.
  • Immunosoppressori: sono farmaci che indeboliscono specificamente il sistema immunitario. Possono essere utilizzati in caso di allergie gravi o croniche.
  • Immunoterapia: si tratta di un trattamento a lungo termine in cui al cane vengono iniettate regolarmente piccole quantità di allergene per desensibilizzarlo gradualmente. Può essere utilizzata per le allergie ambientali.

Come si possono prevenire le allergie nei cani?

Non è sempre possibile prevenire le allergie nei cani, poiché molti fattori possono giocare un ruolo. Alcuni cani hanno una predisposizione genetica alle allergie o le sviluppano nel corso della loro vita. Tuttavia, esistono alcune misure che possono ridurre il rischio di allergie o almeno ritardarne l'insorgenza. Tra queste

  • Individuazione precoce: se notate i segni di un'allergia nel vostro cane, dovreste portarlo dal veterinario il prima possibile per effettuare la diagnosi e iniziare il trattamento. Quanto prima viene riconosciuta e trattata un'allergia, tanto migliori saranno le prospettive per il cane.
  • Dieta sana: una dieta equilibrata e di alta qualità può rafforzare il sistema immunitario del cane.

L'allergia nei cani è una reazione eccessiva del sistema immunitario a sostanze normalmente innocue, note come allergeni. Esistono diversi tipi di allergie, tra cui l'allergia alla saliva delle pulci, l'allergia ambientale, l'allergia alimentare e l'allergia alla puntura di insetto, ciascuna con cause e sintomi diversi. La diagnosi di un'allergia richiede un esame approfondito da parte di un veterinario, compresi test cutanei e del sangue o una dieta di esclusione. Il trattamento può comprendere l'evitamento dell'allergene, terapie farmacologiche come antistaminici o corticosteroidi e, in alcuni casi, l'immunoterapia. Le misure preventive per ridurre il rischio di allergie includono una dieta sana e l'individuazione precoce dei sintomi attraverso regolari visite veterinarie.


Gli autori partono dal presupposto che un veterinario debba essere consultato se un animale è malato e che i farmaci debbano essere assunti solo dopo aver consultato un medico o un farmacista. Solo un esame individuale può portare a una diagnosi e a una decisione sul trattamento.

Possiamo aiutarvi a trovare il veterinario più vicino a voi → In questo modo